Giù, giù, giù.

Quell’uomo.
Soldatino di perbenismo,
Sciacqua la coscenza zuppa di intenzioni sconce.
Indossa la maschera
linda di politicamente corretto.
Come una vergine di Norimberga, è la sua armatura.
Strazia il suo corpo,
ma solo da chiusa sarà accettato.

Circondato da sguardi di approvazione,
nessuno noterà
una pozza rosso cupo ai suoi piedi.

Goccia dopo goccia.
Un lago, ai suoi piedi.
Le scarpe nere lucide
infangate del suo sangue
chi le noterà?

Io.

Io le vedo.

Io odo il suo sangue urlarmi nella testa.
Ma io non esisto.
Non vedo, non sento.

Io non esisto.

Annunci

12 pensieri su “Giù, giù, giù.

  1. In quel tuo “Ma io non esisto./Non vedo, non sento./ Io non esisto./”ci potrebbe essere una spiegazione legata alla violenza fatta da altri. TU NON DEVI ESISTERE!
    Per fare un’altra ipotesi oltre ai meccanismi di negazione.

    un sorriso
    gb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...